La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale - Ipocondria

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Indice
La Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale
Ansia
ATTACCO DI PANICO
Disturbo Post-traumatico da Stress
Ipocondria
Tutte le pagine

Ipocondria

L'ipocondria rappresenta un problema molto diffuso nella nostra società. Si tratta di una condizione per cui le persone sviluppano paure e timori rispetto a malattie e problematiche fisiche da cui pensano di potere essere affette.

Queste preoccupazioni a volte raggiungono livelli di ossessione, portando la persona a sviluppare angoscia ed ansia circa la propria salute, e a sottoporsi ripetutamente a controlli ed esami medici che hanno puntualmente esito negativo. Le persone ipocondriache sviluppano spesso attività di controllo del proprio corpo toccandosi, guardandosi allo specchio, misurandosi la pressione; ripetono molte volte gli stessi esami clinici, leggono e si informano su malattie e sintomatologie. In questo senso l'uso di internet a volte può risultare fuorviante, se non vengono utilizzate informazioni adeguate e basate su evidenze mediche.

Le preoccupazioni per la salute possono riguardare il funzionamento del corpo: ad esempio si percepiscono alterazioni del battito cardiaco, o cambiamenti nella sudorazione e nella temperatura. Piccole ferite o indisposizioni possono essere facilmente scambiate per sintomi di qualche grave patologia. Sensazioni vaghe di affaticamento o di stanchezza vengono interpretate come segni di una condizione di malattia grave. In questo l'ansia e l'attenzione selettiva che la persona pone su parti specifiche del suo corpo o su determinate sensazioni cui normalmente non fa caso portano la persona stessa a percepire quelle sensazioni come amplificate, e quindi ad interpretare stati fisiologici normali come più intensi e quindi pericolosi.

La preoccupazione per le malattie temute diventa spesso un argomento centrale nella vita di queste persone; è un pensiero costante che le accompagna, e anche se non arriva a un livello tale da portarle a compiere accertamenti medici rispetto a presunte patologie (il fatto di sottoporsi a visite crea comunque ansia e paura) costituisce una fonte di rimuginio. La persona parla spesso di queste malattie da cui pensa di essere affetta, e i pensieri legati ad esse la accompagnano quotidianamente.

La grossa spinta pubblicitaria e commerciale all'uso di farmaci, strumenti per misurare frequenza cardiaca e altri parametri fisiologici, prodotti per il benessere (integratori, multivitaminici, prodotti omeopatici) non fa altro che incrementare in queste persone le preoccupazioni per la salute, spesso portandole a costruire degli stili di vita basati su una certezza di malattia, che sono spesso intrecciati a bisogni di accudimento e ricerca di attenzione da parte delle persone care.

La terapia psicologica per l'ipocondria lavora a livello comportamentale sui comportamenti di controllo, che spesso raggiungono livelli compulsivi, aiutando la persona a diminuirne la frequenza e l'intensità.  A livello cognitivo si lavora sulle convinzioni sulla salute, riportandole ad una dimensione più razionale e smontando poco a poco la certezza di malattia che arriva a condizionare la vita della persona ipocondriaca. Si lavora anche a livello corporeo sul rilassamento, per mostrare come l'attenzione su alcune parti del corpo porti ad amplificare le sensazioni corporee: questo processo, messo in atto inconsapevolmente dalla persona ipocondriaca, costituisce spesso per la stessa una prova inconfutabile del fatto di essere malata.



 

La Palestra

palestra.jpg

Gli studi

foto sito in basso.jpg

Sala Riunioni

salaRiunioni.jpg
 
 
 
 

Nuovo Centro Kaleidos s.r.l - P.Iva 02284160468 - Privacy Policy